Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare | Condizioni di vendita | Privacy
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Dissidenza e scrittura. Conversazione sul mio itinerario intellettuale
Nawal El Saadawi
Dissidenza e scrittura. Conversazione sul mio itinerario intellettuale
Anno: 2008
Pagine: 141
Prezzo: € 20,00
Dimensioni: cm 14,0x21,5
Legatura: cartonato con sovraccoperta

Collana: Universitŗ internazionale del secondo rinascimento
ISBN: 9788877708373

Echi dal Web
Dissidenza e scrittura di Nawal El Saadawi (da Il portale delle donne.it)

Estratto del libro
Ricordo che la prima che scrissi fu una lettera a Dio. Avevo nove anni, o forse otto; ero molto ribelle verso mio fratello e i miei genitori, perché mio fratello non era bravo a scuola, io andavo meglio di lui, e lui si prendeva tutti i privilegi. Quando interrogavo la mia famiglia, dicevano: "è perché lui è maschio e tu sei femmina". Io rispondevo: "E allora?". "Questo è quanto ha detto Dio". "Dio ha detto che mio fratello è migliore di me perché è un maschio?". "Sì".
Cos√¨ sono andata nella mia stanza, ho chiuso la porta, ho preso carta e penna e ho scritto una lettera a Dio: "Caro Dio, si suppone che tu sia la giustizia, perch√© mia nonna mi diceva: Dio √® giustizia e noi lo conosciamo con la mente; ma dov'√® la giustizia se preferisci mio fratello, che a scuola √® uno scansafatiche, a me che sono pi√Ļ brava di lui? Dov'√® la giustizia? Devi essere giusto, oppure io non sono pronta a credere in te". [...]
C'è tanto razzismo del mondo. Persino all'aeroporto, mentre da Atlanta venivo qui, due giorni fa: dato che sono egiziana, si suppone che io sia una terrorista. Mi hanno perquisita e mi hanno trattata in modo diverso dagli altri, e io mi sono infuriata. Così, mi trovo continuamente di fronte alla disuguaglianza, all'ingiustizia. E questo mi rende molto critica verso l'intero sistema.
Quarta di copertina

Non c'è futuro per la religione, perché la mente umana non può arretrare, la conoscenza è irreversibile. È come la luce. Se nel mio cervello c'è la luce, non può tornare il buio. L'Antico Testamento, il Nuovo Testamento e il Corano dovrebbero essere conservati nei musei, come parte della storia, non dovrebbero essere utilizzati in politica o in economia o nella morale o nella sessualità, se vogliamo una vera eguaglianza, in qualsiasi paese. Se c'è vera eguaglianza, non c'è spazio per la religione, che si basa invece sulla discriminazione. Quindi, non credo che si verificherà l'islamizzazione dell'Europa.
(Nawal El Saadawi)

Echi di stampa
Contributi video
Video del libro "Dissidenza e scrittura. Conversazione sul mio itinerario intellettuale"



Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog