Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare | Condizioni di vendita | Privacy
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Eduard Kuznecov
 
Eduard Kuznecov
 
Eduard Kuznecov

Pdf Stampa Biografia

Eduard Kuznecov è nato a Mosca nel 1939. Nel 1961, studente alla facoltà di Filosofia dell'Università statale di Mosca, fu arrestato dal Kgb e condannato a sette anni di reclusione per sommossa e propaganda antisovietica. Meno di due mesi dopo il suo rilascio, nell'autunno del 1968, fu arrestato nuovamente, questa volta per essere stato il capo di un gruppo di sedici uomini che tentarono di fuggire dall'Urss. Nel 1970 fu condannato a morte. In seguito a una considerevole mobilitazione dentro e fuori l'Urss, la condanna a morte fu trasformata in quindici anni di reclusione in un campo con un regime particolarmente severo. Durante la prigionia Kuznecov riuscì a scrivere di nascosto due libri, Mordovskij marafon (maratona di Mordovia) e Dnevniki (Diari della prigione) che vinse il premio francese “Gulliver” nel 1974). I manoscritti furono fatti uscire segretamente dal campo. La condanna a morte di Kuznecov del 1970 attirò l'attenzione dell'opinione pubblica mondiale sul problema dell'emigrazione dall'Urss. In seguito alle pressioni dei paesi occidentali non solo la condanna a morte fu trasformata in prigionia, ma l'Urss fu anche costretta a cedere alle richieste di quanti volevano emigrare: circa 300.000 persone sono da allora uscite dall'Unione Sovietica. Nel 1979 lo scrittore fu rilasciato con altri quattro famosi prigionieri politici in cambio di due spie sovietiche catturate negli Usa e di un computer americano. Si trasferì in Israele e, successivamente, nella Germania Occidentale. Kuznecov ha scritto numerosi articoli su vari quotidiani e riviste. Nel suo Mordovskij marafon (Gerusalemme, 1979) parla della letteratura del dissenso russo durante la guerra fredda e descrive le condizioni di permanenza nei lager sovietici degli omosessuali e degli "infamati", esperienza da lui vissuta dal 1970 al 1985. Attualmente vive in Israele e è redattore, pubblicista e scrittore. Dal 1990 al 1999 è stato redattore del giornale israeliano “Vesti” (notizie), il più famoso quotidiano in lingua russa al di fuori della Russia.

Ha pubblicato con Spirali:
Gorbaciov per o contro. Manifesto della nuova opposizione (1988)
Romanzo russo (1985)

Articoli pubblicati sulle riviste edite da Spirali