Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


I fenomeni fisici. Riesame dell'essere e agire di luce, colori, calore, attrazione, gravitazione, elettromagnetismo e, in premessa, dei metodi di ricerca e dei principi a essi comuni e universali.
Fausto Tapergi
I fenomeni fisici. Riesame dell'essere e agire di luce, colori, calore, attrazione, gravitazione, elettromagnetismo e, in premessa, dei metodi di ricerca e dei principi a essi comuni e universali.
Anno: 2005
Pagine: 170
Prezzo: € 24,00
Dimensioni: cm 14,0x21,5
Legatura: cartonato con sovraccoperta

Collana: l'alingua
ISBN: 9788877706874

Fausto Tapergi racconta dei fenomeni fisici che caratterizzano i grandi cambiamenti della materia. La sua è una ricerca dell'autonomia vitale consumata in una intera vita dedicata all'osservazione della natura e dei principi che la rendono unica e universale.
Estratto del libro
Il metodo della ricerca: osservare e riflettere

Mi sono così avviato a considerare con molta attenzione i fenomeni fisici, e specie i vari modi di relazioni intercorrenti tra loro, per ricercare, e tentare di correggere, assestare, e definire i molti errori, anomalie, lacune, che sono nelle inerenti conoscenze, per giungere a renderli più precisi e affidabili alleati del miglioramento della vita in generale e di quella umana in particolare, fine essenziale di ogni ricerca e conoscenza.
Anzitutto, a quello scopo, ho utilizzato la riprova che il metodo proprio della ricerca scientifica rimane quello già rilevato e utilizzato come unico possibile – e che è risultato utile e fecondo –  dell'osservazione e della riflessione, conseguenza inscindibile questa dalla prima.
Occorre però anche avere ben presente che per" osservazione" s'intende la coordinazione delle diverse sensazioni, dell'udito, dell'olfatto, del gusto, del tatto, oltre a quella della vista, che rimane l'eminente, secondo il tipo di oggetto che si abbia in osservazione.
E, soprattutto, va tenuto presente che non bastano le osservazioni di alcuni momenti o parti di un fenomeno o di uno specifico oggetto, bensì occorre che su questi siano estese nella rispettiva integrità, per evitare che possano restare inconcludenti e difettose, e che siano contraddette da osservazioni complessive effettuate dopo, come sarà rilevato in numerosi casi dello svolgimento della presente esposizione.
E occorre che siano sempre accompagnate da adeguate riflessioni, che sono, come constatato in precedenti miei volumi, il continuo confronto delle osservazioni tra loro e con le conoscenze già acquisite (che comprendono anche quelle di altri sullo stesso oggetto), a evitare ripetizioni, o che altre siano più chiare e precise, o contraddizioni, oppure vuoti conoscitivi, da sanare con ulteriori osservazioni. Occorre poi coordinare queste osservazioni per ottenere la conoscenza dell'insieme, pur essa ricercata.
A questo proposito ci si ricordi quanto rilevato nelle pagine precedenti: che il tenere separate le ricerche, su singoli fenomeni, settori particolari, se ha il vantaggio di più rapide e copiose acquisizioni conoscitive, ha anche dato e alimentato i presupposti, in ciascuna di quelle separazioni, di lacune, imprecisioni, contraddizioni, errori, e sovente mancanti conclusioni. Il reale è uno, e uno il pensiero che lo indaga. Per cui quanto più, nel procedere delle proprie osservazioni, con le proprie riflessioni si tengono d'occhio, e così coordinati, gli altri particolari, settori e fenomeni, tanto più si eviteranno gli inconvenienti delle ricerche separate non coordinate, e esse si faranno più efficienti, sicure e feconde nei riflessi pratici e per gli ulteriori sviluppi conoscitivi. [...]
Quarta di copertina
I fenomeni nei quali è visto e ripartito l'essere e agire dell'intera esistenza sono: la luce, i colori, il calore, l'attrazione, la gravitazione, l'elettromagnetismo, la formazione e attività e trasformazione della materia e dei suoi corpi e masse, la formazione e attività e svolgimento, e il ritorno allo stato di materia, della vita e dei suoi esseri. I primi sei sono fenomeni fisici puri, espressi dai singoli corpi e masse della materia e delle parti materiali degli esseri viventi. Sono questi l'oggetto della presente ricerca ed esposizione. La formazione, attività e trasformazione dei corpi e masse della materia compongono, invece, il più esteso dei fenomeni, con cui l'intero universo si costituisce e popola e attua nella integra pienezza se medesimo.
Se le forze mentali e la vita – della cui longevità la natura mi è stata finora generosa – mi consentiranno di portare avanti e esporre le osservazioni e esperienze da me raccolte, vedrò di estendere e comporre in apposita trattazione quanto concerne questo, che considero il massimo dei fenomeni. Lo svolgimento della vita e degli esseri viventi, dal loro sorgere dall'universo grembo materiale alla loro restituzione in esso, si differenzia dagli altri fenomeni perché le loro specifiche strutture e composizioni organiche possiedono in sommo grado la facoltà, detta di autonomia vitale (per cui sono e le chiamiamo vitali), di assecondare, contrastare, mutare, alterare se medesime, le materie fisiche che entrano nelle loro composizioni organiche, i corpi e masse materiali e viventi con cui vengono in contatto.
(Fausto Tapergi)
Echi di stampa
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


194 pagine, € 15,00

319 pagine, € 20,66

220 pagine, € 20,66
» Tutti i libri dello stesso autore