Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Caravaggio, Andrej Lyssenko
Elio Giunta
a cura di Carmine Benincasa
Caravaggio, Andrej Lyssenko
Anno: 2006
Pagine: 115
Prezzo: € 60,00
Dimensioni: cm 21,0x29,5
Legatura: brossura con alette

Collana: L'arca. Pittura e scrittura
ISBN: 9788877707406

Elio Giunta affronta l'analisi di due pittori, Caravaggio e Lyssenko, entrambi portatori della forza della modernità.
Estratto del libro
Si dice che i guai [Caravaggio] se li è procurati lui stesso, per il carattere ribelle e litigioso, per la sfrenata volontà di prevaricazione di un sé irruento, con sotto certo la coscienza di una genialità superiore, diversa, da imporre a ogni costo. Sarà; ma a noi che ci accostiamo alle sue tele non resta che constatare come l'eccezionalità della sua pittura non poteva non corrispondere a un tipo di eccezionalità o di estrosità dell'uomo, nelle pur accidentali guise in cui si è espressa. Senza il tipo di uomo, con le sue inusitate, dolorose vicende, non avremmo potuto percepire tanto fascino della malattia, della morte, non avremmo potuto provare lo stupore dinanzi al fissaggio della brutalità assassina quale sta nelle scene ritratte in alcune sue tele tra le più celebri.
(Elio Giunta, Caravaggio)

L'artista russo non cede all'equivoco del molto che oggi si produce come pittura, allorché l'artista resta convinto di potere usufruire di strumenti espressivi innovativi del tutto avulsi dal reale e nel contempo pretendere che l'umanità reale lo accolga appieno e lo senta come suo. Nella pittura di Lyssenko non c'è alcuna dimensione critica che voglia imporsi, come succede per la maggior parte dell'arte contemporanea, specie europea e americana; ma c'è l'ossequio alla verità accessibile dell'uomo e delle cose, alle quali si chiede di restituire un linguaggio che dia emozioni e alle quali perciò il pittore non ha diritto d'imporre i suoi tic visionari e la sua organizzazione teorico-mentale del produrre. Anzi all'uomo e alle sue cose Lyssenko chiede magari la restituzione dell'emblematicità che sta prima nel suo animo.
(Elio Giunta, Lyssenko)




Echi di stampa
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


134 pagine, € 12,91

112 pagine, € 18,00

125 pagine, € 55,00
» Tutti i libri dello stesso autore