Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Francisco Goya, Salvador DalÝ
Fernando Arrabal
a cura di Carmine Benincasa
Francisco Goya, Salvador DalÝ
Anno: 1992
Pagine: 110
Prezzo: € 25,31
Dimensioni: cm 21,0x29,5
Legatura: brossura con alette

Collana: L'arca. Pittura e scrittura
ISBN: 8877703334

DalÝ: avventuriero della pittura e dell'esistenza, mai arruolato da nessun conformismo, inviso da comandanti e dirigenti. Goya alla corte dei potenti: eppure, quando esegue i ritratti della famiglia reale, inserisce un particolare sfrontato e ironico. Per tale vicinanza, non pu˛ stupire che la penna spregiudicata e spaesante di Arrabal tragga occasione, da ciascuna opera di Goya e DalÝ, per la scrittura di un'altra opera.
Estratto del libro
Due sono le spiegazioni del mistero del cannibalismo religioso che si offrono a Goya: o si mangia Dio, comunicandosi perchÚ Questi ceda al credente una parte delle sue infinite virt¨, oppure, per placare la collera di Dio, gli si offre una vittima propiziatoria che morirÓ divorata. In tal modo, Dio si nutre della creatura che ha creato a sua immagine e somiglianza. [...]
Nel quadro, il dio ellenico Saturno divora, con avida ferocia, un povero mortale. Se gli fosse concesso lamentarsi, Goya sceglierebbe il ruolo della vittima. Giunto all'etÓ di settantasette anni, ha sentito il bisogno di rifugiarsi in una casupola a nord di Madrid, la "Quinta del Sordo". La reazione assolutista vuole divorarlo, consumarlo, condannarlo, "anonimizzarlo".
(Fernando Arrabal, commento al Saturno di Goya)


Il sogno, secondo DalÝ, c'ispira o ci orripila ma in pari tempo ci permette di analizzare le nostre passioni o le nostre frustrazioni. nmondo onirico Ŕ a tal punto arricchente o traumatizzante, che non potremmo sopportarlo senza servirci delle stampelle che la realtÓ cimette a disposizione. Ecco perchÚ nel quadro le labbra di DalÝ richiedono almeno tre stampelle per potersi spostare. Grazie a una di esse, il cane non cade zampe avanti. [...]
DalÝ ha detto e ripetuto ci˛ che probabilmente ogni artista o scrittore in buona fede potrebbe proclamare: "Il fatto che non sappia che cosa significano i miei quadri nel momento di dipingerli, non vuol dire affatto che non siano significativi. Al contrario, affermo che sono cosý profondamente significativi da andare addirittura al di lÓ della semplice analisi dell'intuizione logica". Del resto, Ŕ certo che gli uccelli ne sanno ben poco di ornitologia.
(Fernando Arrabal, commento al Sogno di DalÝ)

Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


1578 pagine, € 36,15

277 pagine, € 18,08

113 pagine, € 7,75
» Tutti i libri dello stesso autore