Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Europa, Europe
Jacques Attali
Europa, Europe
Anno: 1994
Pagine: 183
Prezzo: € 15,49
Dimensioni: cm 14,0x21,0
Legatura: brossura

Collana: l'alingua
ISBN: 8877703989

Per Jacques Attali non esiste un'Europa, ma ne esistono molte, caratterizzate dall'ambiguità delle loro frontiere, delle loro espressioni linguistiche, delle loro mire espansionistiche, dei loro modelli economici. Questa ambiguità è la ricchezza dell'Europa, che Attali preferisce chiamare Europa(e).
Estratto del libro
Per chi crede alla parola della Bibbia, il 1994 è un anno molto particolare: infatti, al capitolo 25, il Levitico annuncia che ogni debito, ogni peccato, ogni colpa, ogni rimorso scompariranno alla fine del quarantanovesimo anno, capacità massima della memoria dei sentimenti. Ebbene, quarantanove anni fa si compiva l'Olocausto e si preparava la barbarie atomica. E in quarantanove anni il rimorso ha permesso di rimuovere il razzismo, di mettere la museruola all'arma nucleare, di costruire l'Europa.
Ecco dunque venuto l'anno che Ezechiele chiama "l'anno della libertà", il tempo dell'amnesia e, con esso, quello dei disordini; di un'Europa(e) liberata dal rimorso delle proprie mostruosità, vulnerabile a tutti i demoni rinascenti nei suoi retrobottega.
Quarta di copertina
L'Europa, con evidenza, non esiste. Non è né un continente né una cultura né un popolo né una storia. Non è definita da una frontiera unica né da un destino o da un sogno comuni.
Invece esistono Europe, che sfuggono quando si cerca di afferrarne troppo precisamente i contorni.
L'Europa è il solo continente a non essersi definito attraverso l'esclusione degli altri, ma, per loro felicità o per loro infelicità, dalla loro conquista; il solo a avere seminato, ai quattro venti delle sue ambizioni imperiali, le sue lingue, le sue idee e i suoi uomini. In questo senso, l'ordine del mondo è ancora, per lungo tempo, europeo. Anche se questa penisola improbabile si è vista sostituire nel cuore della Storia da una delle sue creature, l'America, anche se rischia di essere non più che una colonia della propria utopia, l'Europa resterà sempre, nella sua stessa ambiguità – preferirei scrivere 1'Europa(e), per significare questa molteplicità –, la madre di tutte le modernità.
Ho vissuto da vicino quest'ambiguità quando la caduta dell'ultimo impero precapitalista del mondo, emancipando l'Europa(e), la sottometteva interamente all'ordine americano. Da Praga a Londra, da Bruxelles a Mosca, ho visto i dirigenti interiorizzare questa nuova sottomissione nello stesso tempo in cui si disegnava il sogno di una costruzione continentale più libera e più adulta.
(Jacques Attali)
Echi di stampa
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


102 pagine, € 7,75

134 pagine, € 12,91

216 pagine, € 20,00
» Tutti i libri dello stesso autore