Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Il traduttore libertino. Parola. Scrittura. Città
Francesco Saba Sardi
Il traduttore libertino. Parola. Scrittura. Città
Anno: 1997
Pagine: 226
Prezzo: € 15,49
Dimensioni: cm 14,0x21,0
Legatura: brossura

Collana: l'alingua
ISBN: 9788877704641

Estratto del libro
SEMANTICO Buon giorno, mio lieto Giocoso, che fai tu di bello? Uh, vedo che sei alle prese con un arduo testo da volgere nella tua favella natia, la tua lingua della nutrice, quella che fu di Dante, del Boccaccio, del Manzoni. Ne sarai tu degno? E sei capace di scritture utili e condecenti? Posso dare un'occhiata?

GIOCOSO Vossignoria faccia pure. Non ho segreti, non potrei averne, il testo che metto arduamente assieme passerà per varie mani, quelle di occhiuti giudici che ne valuteranno per prima cosa il peso economico e poi, ammesso che abbiano al loro servizio chi si intende o si impanca di letteratura, quelle di revisori, correttori, lettori di schermi, stampatori, e quant'altri.

SEMANTICO Eh, eh, avrai bene i tuoi segretucci, i tuoi personali tecnicismi. Vedo infatti che ti sei circondato di dotti volumi, ah, ecco qua i glossari, ecco i dizionari etimologici e plurilinguistici, e ancora lemmari, e storie della letteratura. Una laboriosa vita da monaco, la tua, che vive barricato nella trincea del Sapere, con la maiuscola, va da sé. Oh, ma questa, poi. L'opera che stai trasportando in italiano, in buon italiano, almeno lo spero, è niente meno che la Narrenschiff, la celebre Nave dei folli di Sebastian Brant, data alle stampe a Basilea nel 1494. Settemila e più versi in rime baciate! Bell'impresa. (Scuotendo dubbioso il capo) Ma dimmi, te ne senti all'altezza? Rigore scientifico, ci vuole. Ordunque, come operi?

GIOCOSO Ascolto, tendo l'orecchio, e cerco di non farmi distrarre, soprattutto da te.

Quarta di copertina
Libertino, come a dire spregiatore di dogmi, secondo l'accezione attribuita al termine dal Seicento in poi prima che venisse piegato a tutt'altro significare. Tolleranza, insomma. E in questo "dialogo non filosofico" si scontrano infatti un Giocoso, attuale assertore della libera fecondità della Parola (parlante, scrivente, dipingente, danzante, cantante…) e un Semantico, altrettanto attuale, accademico, assertore della alquanto metafisica riduzione della parola a un sapere fondantesi sul biologismo delle circonvoluzioni cerebrali. Un dialogo che, prendendo le mosse dalla microcosmica eppure importantissima vexata quaestio della traduzione, attraversa la Scrittà, intendendo la città come fondazione e sede della scrittura, la felicità del narrare che nega, contesta, esalta, e si conclude con un Elogio dell'oscurità, infera e paradisiaca patria della póiesis contrapposta all'aridità della téchne.
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


117 pagine, € 60,00

412 pagine, € 15,49

86 pagine, € 60,00
» Tutti i libri dello stesso autore