Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Ti amo, tesoretto. Nell'era di Padoa Schioppa
Giampiero Carlo Cantoni
Ti amo, tesoretto. Nell'era di Padoa Schioppa
Anno: 2007
Pagine: 256
Prezzo: € 23,00
Dimensioni: cm 14,0x21,5
Legatura: cartonato con sovraccoperta

Collana: l'alingua
ISBN: 9788877708090

La "relazione annuale" di un grande economista e imprenditore, che vive la passione politica in prima persona
Estratto del libro
Tutti i segnali dicono che l'idea di Europa va incontro alla siccità, al prosciugamento di ogni sorgente emotiva che porti a un amalgama vero tra gli Stati. È sotto gli occhi di tutti come uno scopo nobile, inderogabile, e aggiungiamoci pure tutti gli aggettivi solenni e drammatici che la situazione induce, possa essere perseguito con animo provinciale. La Francia che va da sola, la Germania idem, o si mettono insieme contro gli altri e tutti che chiedono alla Gran Bretagna di far da chioccia alle proprie velleità. Che tristezza. C'è un guaio: si è confuso il patriottismo con il nazionalismo. Parafrasando una celebre frase di Lenin: nazionalismo, malattia infantile del patriottismo.
Il patriottismo è un' altra cosa, viene prima delle opinioni e delle idee: è un amore che, per difendere ciò che è caro, è disposto al sacrificio. Dunque è largo, magnanimo. Il nazionalismo invece non è un amore, ma un'ideologia di orgoglio e spartizione. Insomma, siamo tutti così uniti all'America, alla Russia e alla Cina nel combattere il male che ciascun Paese europeo si è scollato dagli altri per rappresentare se stesso sulla scena del mondo, come degno di recitare una parte da protagonista...
Quarta di copertina
Il creatore del termine "tesoretto" è Brunetto Latini con il suo poema immortale, composto nel Duecento, e da cui Dante Alighieri attinse l'arte e imparò il dolce stilnovo. Ma Dante, dopo aver elogiato ser Brunetto, infila l'amato maestro tra le fiamme nel canto XV dell'Inferno: Brunetto peccava "contro natura". Non è certo il caso di Tommaso Padoa Schioppa. Ma il termine è eloquente: il tesoretto è stato contro natura, come la tassazione esagerata che ha consentito di accumulare questa montagnola di denari (quanti? undici, quindici miliardi di euro?) poi bruciati in spese e compensazioni ricattatorie anziché utilizzati per rilanciare l'economia o investiti per praticare le riforme strutturali.
Questo è il dato di fondo della mia operetta che non ha niente del tesoretto né di ser Brunetto né di ser Tommasetto.
(Giampiero Cantoni)
Echi di stampa
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


189 pagine, € 20,00

243 pagine, € 20,00

164 pagine, € 20,00
» Tutti i libri dello stesso autore