Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


La grammatica dello spirito europeo

Zoom della copertina
Armando Verdiglione
La grammatica dello spirito europeo
Anno: 2017
Pagine: 812
Prezzo: € 35,00

Collana: l'alingua
ISBN: 9788885806054

Questo libro è un'analisi della mitologia che ha tenuto bloccata l'Europa nella grammatica – la grammatica dello spirito europeo – del purismo e del radicalismo, vale a dire nella grammatica della padronanza sulla parola, della soggezione della parola al canone della conoscenza, dell'apocalisse, della rivelazione, dell'illuminazione, della redenzione, del giudizio finale.

L'autore constata come siano sorti così – in tutte le religioni e le ideologie – gli standard grammaticali della creatura e del creatore, del soggetto e dell'assoggettamento, dello schiavo e del padrone, dell'amico e del nemico, della vittima e del tiranno. E verifica come le idee di evoluzione e di progresso risultino funzionali alla circolarità dello standard grammaticale per eccellenza: conoscere e conoscersi per tornare alla propria origine, per essere se stessi, per essere padroni di sé e quindi dell'Altro. Questa mistica dell'origine ha tessuto tutte le teosofie, le antroposofie, le ideosofie, che hanno assunto, di volta in volta, le forme di governo della teocrazia dell'antropocrazia, della ideocrazia.

Chi ha avallato questa mistica dell'origine, del ritorno alla purezza? Chi ha fornito con le sue idee e i suoi scritti la giustificazione dei fondamentalismi, dei totalitarismi, degli stermini in nome di un bene ideale convenzionale, deciso dalla casta politica, burocratica, medico-sacerdotale? Indagando i testi diffusi nelle antiche comunità iniziatiche (greche, egizie, ebree, arabe, mesopotamiche, indiane, dell'estremo oriente), analizzando le opere dei filosofi e dei teologi, dagli ermetici ai sofisti a Platone, Aristotele, Filone, Agostino, Tommaso, Böhme, via via fino a Cartesio, Rousseau, Kant, Hegel, Marx, Gentile, Heidegger, ai teosofi Corbin, Gilson, Maritain, agli scienziati come Gödel e Heisenberg, non trascurando le opere di Hitler e di Lenin, di Mussolini e di Gramsci, nonché di Freud e di Lacan, questo libro documenta, tra l'altro, l'avallo ideologico e politico degli intellettuali, delle società iniziatiche, dei governi europei al fondamentalismo della dhimmitudine, della sottomissione islamica, rilevando nella mistica dell'origine, del nulla e della morte il filo rosso che li unisce nell'odio contro la modernità e la libertà della parola.

Quarta di copertina

L’Europa è il luogo del purismo e del radicalismo o è la traccia da cui procede la modernità, nonché la civiltà planetaria?
Dove sta il valore del nostro viaggio?
Quale ne è l’approdo?
Il nostro cervello è confiscabile?
Gli apparati del nulla hanno presa sulla nostra vita?
La vita originaria, con la sua aritmetica, con la sua struttura, con la sua scrittura, con il suo processo di qualificazione è senza luogo sociale, senza luogo di morte e di rigenerazione, senza luogo circolare.
Questo libro compie, fra l’altro, l’analisi di ogni radicalismo.

Echi di stampa
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


224 pagine, € 10,00

476 pagine, € 30,00

252 pagine, € 20,00
» Tutti i libri dello stesso autore