Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Poesia e rimozione. Il revisionismo da Blake a Stevens
Harold Bloom
Poesia e rimozione. Il revisionismo da Blake a Stevens
Anno: 1996
Pagine: 340
Prezzo: € 18,08

Collana: l'alingua
ISBN: 9788877704443

Estratto del libro
Jacques Derrida pone una questione centrale, nel suo saggio Freud e la Scena della scrittura: "Che cos'è un testo, e che cosa sarà la psiche, se può rappresentarla un testo?". Il mio riferimento più stretto alla poesia induce la questione contraria: "Che cos'è una psiche e che cosa sarà un testo, se può rappresentarlo una psiche?". Tanto la questione di Derrida quanto la mia richiedono un'esplorazione di tre termini: "psiche", "testo", "rappresentato".
"Psiche" viene, in definitiva, dalla radice indoeuropea bhes, che significa "respirare", forse onomatopeica in origine. "Testo" risale alla radice teks, che significa "tessere" e anche "fabbricare". "Rappresentare" ha radice es: "essere". La mia questione può quindi riformularsi: "Che cos'è un respiro, e che cosa sarà un tessere o fabbricare, per venire in essere come un respiro?"

Quarta di copertina
"L'araldo più infallibile, compagno e seguace del risveglio di un grande popolo nell'operare un giovevole cambiamento nel pensiero o nell'istituzione, è la poesia. [...] I poeti sono i gerofanti di un'ispirazione non capita: gli specchi di gigantesche ombre che il futuro getta sul presente; le parole che esprimono quel che non capiscono: le trombe che squillano a battaglia e non sentono quel che ispirano; l'influenza che non è mossa, ma muove. I poeti sono i misconosciuti legislatori del mondo". Questo è il più famoso passo in prosa di Percy Shelley e contiene il richiamo esplicito a ciò che interessa Bloom: quello che egli definisce un paradosso e che Shelley stesso chiama influenza poetica.
Che cos'è, quindi, l'influenza? Una cosa perseguibile dai tribunali? No, per Bloom è qualcosa da cogliere attraverso la rete dei tropi della poesia, delle strutture della psiche e dei rapporti di revisione. In questo libro, il lavoro principale di Bloom concerne la rimozione: quella che sbarra la comprensione del testo dei precursori e che solo i più forti tra i poeti possono, non certo aggirare, ma precisamente usare per fare poesia, facendo propria la lingua del precursore. Ma come può, Bloom, rintracciare le maglie dell'impercettibile catena che, attraverso Dante, risale da Milton fino al biblico Ezechiele e che, attraverso il testo della grande poesia britannica, influenza con pulsione incessante Milton, Blake, Shelley, Keats, Tennyson, Browning, Yeats, fino agli americani Emerson, Whitman e Stevens? Ebbene, lo può da poeta, con Giambattista Vico, insuperato lettore del mito e inventore della critica; con Nietzsche, primo dei non romantici e ultimo dei romantici; e con Freud, lettore dell'inconscio e inventore, appunto, della rimozione.
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


212 pagine, € 15,49

348 pagine, € 15,49

89 pagine, € 9,30
» Tutti i libri dello stesso autore