Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


I buffoni
Alberto Lecco
I buffoni
Anno: 1998
Pagine: 406
Prezzo: € 17,04

Collana: Romanzi
ISBN: 9788877705044

Un romanzo in cui realtà e fantasia diventano realtà fantastica

Cosa succede se dei burattini iniziano a raccontare una storia vera? Se narrano del ventriloquo Walter, di sua moglie Odette, del loro amico ebreo e della moglie Caterina?
Quattro vite raccontate da buffonesche rappresentazioni della realtà, di una realtà così fragile e così facile da distorcere che addirittura loro possono farlo: dei buffoni. I pupazzi gettano in faccia ai quattro protagonisti le loro vite, sconvolgono tutte le loro credenze, facendoli cadere in un inferno di dubbi ed ambiguità.
Estratto del libro
Sapevo da molti segni e non soltanto suoi, voglio dire dalle sue sole parole e dal suo comportamento, che Walter, il ventriloquo, era forse sull'orlo di un crollo totale. Se questo crollo fosse arrivato davvero, sarebbe forse stato totale. Su questo non avevo dubbi. E però avevo sempre cercato, negli ultimi tempi, di aggrapparmi a quel “forse” come a un'ultima speranza. Che questa speranza, poi, avesse una sua per così dire base di realtà, anche questo è un fatto. Un fatto assodato. Un fatto che molti – che in quel periodo ci stavano intorno e che in fondo conoscevano bene la nostra storia, soprattutto Mary Rose, la direttrice del night‑club Big Paradise di Brookyn dove allora noi tre, Walter, Odette e io, lavoravamo e il barman Federico – l'uomo di Mary Rose – avrebbero potuto confermare se soltanto un minimo di attenzione e di generosità glielo avessero consentito e, naturalmente, se qualcuno glielo avesse chiesto.
Quarta di copertina
Sul palcoscenico di un night‑club di Brooklyn, un ventriloquo muove i nuovi pupazzi del suo repertorio: li fa parlare, piangere, ridere, gridare. In sala, fra il pubblico, sono presenti sua moglie, che quei pupazzi li costruisce, e l'amico ebreo, autore del copione dello spettacolo: l'anomalo sodalizio a tre li ha portati al successo. Quella sera, però, fra la sorpresa dei suoi soci e lo sconcerto del pubblico, abituato a lazzi e barzellette, il ventriloquo va "fuori copione": ai suoi buffoni fa raccontare la storia del casuale incontro a New York di quattro giovani, dei loro progetti e dei loro sogni. Si tratta, in realtà, della sua storia: la storia di Walter, il ventriloquo, di sua moglie Omette, dell'amico ebreo, io narrante del romanzo, e di Caterina, la moglie di questi.
I quattro, sollecitati dall'ebreo, l'intellettuale del gruppo, lavorando allo spettacolo con i buffoni, sognano di realizzare fra loro quella "famiglia aperta" che era stata un'utopia della generazione anni settanta. Ma qualcosa non va per il verso fantasticato: antichi ricordi affiorano, odi e amori intralciano il macchinismo dell'immaginazione, e il tentativo, per uno dei quattro, ha un esito tragico. Davanti ai "reali" protagonisti di quella storia che non avevano mai "parlato" davvero, i buffoni "parlano", sconvolgendo le loro idee e le loro credenze, fin quando realtà e fantasia diventano realtà fantastica.
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


354 pagine, € 20,66

980 pagine, € 20,66

170 pagine, € 12,91
» Tutti i libri dello stesso autore