Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Nelle mani dei pentiti. Il potere perverso dell'impunità
Mauro Mellini
Nelle mani dei pentiti. Il potere perverso dell'impunità
Anno: 1999
Pagine: 190
Prezzo: € 15,49
Dimensioni: cm 14,0x21,0
Legatura: brossura

Collana: l'alingua
ISBN: 9788877705419

Mauro Mellini: "Alle soglie del terzo millennio i pentiti sembrano [...] proiettati verso una inarrestabile e perversa ingovernabilità del loro ruolo. Non rinunciano certo alla ricerca della gratitudine di quanti li 'gestiscono' né lesinano sforzi e fantasia per incrementare la loro soddisfazione. Ma si ha l'impressione che proprio la coscienza di un'effettiva capacità di soddisfare bramosie di successo e di rivalse di chi li utilizza, nonché le esperienze di coinvolgimenti in faide tra magistrati e tra questi e organi di polizia, abbiano dato ai pentiti la consapevolezza di essere uno strumento troppo forte per non essere essi stessi depositari di un potere non necessariamente controllabile e utilizzabile da altri".
Estratto del libro
L'Italia è un paese nelle mani dei pentiti?
L'interrogativo ha del paradossale e può sembrare provocatorio. "Pentito", infatti, nel significato originario del termine, da cui quello comunemente usato per indicare il delinquente divenuto "collaboratore di giustizia" deriva, differenziandosene sempre più fino a contrapporvisi, è espressione che evoca resipiscenza e sottomissione.
Così "pentito" dominatore o, semplicemente, personaggio temuto, dal quale possa dipendere la sorte di colpevoli e innocenti, arbitro, appunto, di colpevolezze e innocenze, è figura stonata, che sa di grottesco, di assurdo. Che poi un intero Paese debba sottostare agli umori, ai capricci, agli interessi e alle trame dei pentiti, capaci di influenzare momenti importanti della sua vita sociale e politica e di quella dei suoi cittadini, è cosa che lascia ancora più perplessi e increduli.
Un'incredulità favorita del resto dal fatto che i mezzi di comunicazione di massa, dai quali è tuttavia possibile attingere notizie frammentarie e assolutamente incomplete sul fenomeno pentiti, non hanno mai fornito un quadro complessivo del fenomeno né hanno cercato di farlo.
Allo scetticismo e all'incredulità di molti, che magari, di fronte a una simile affermazione, ritengono di intravedere un intento provocatorio, il fine di salvare chi sa chi e di screditare quel po' di giustizia che si cerca di attuare in Italia, si aggiunge, oltre all'indifferenza indolente e sorniona di molti altri, il quietismo di coloro che, arrivati a rendersi conto di ciò che può significare il potere dei pentiti e quello della loro utilizzazione, quando si sia venuti a capo di qualche vicenda clamorosa nella quale essi hanno finito con l'essere sbugiardati, come il caso Tortora o il processo per l'assassinio di Pecorelli a Perugia contro il senatore Andreotti e gli altri suoi presunti complici, si consolano, nel momento stesso in cui dovrebbero sbigottirsi e allarmarsi, dicendosi che, fortunatamente, queste cose sono accadute e accadono agli altri e che, comunque, da quel momento tutto cambierà.


Quarta di copertina
Voglio dire per quali motivi la realtà dei fatti mi spaventa tanto, affinché, se i miei ragionamenti sono esatti, voi li condividiate e vi prendiate cura almeno di voi stessi, se non degli altri. (Demostene, III Filippica, 20)
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


326 pagine, € 15,49

246 pagine, € 15,49

141 pagine, € 10,33
» Tutti i libri dello stesso autore