Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Lavinia Fontana, Elena Gurwič
Nadine Shenkar
Lavinia Fontana, Elena Gurwič
Anno: 2008
Pagine: 146
Prezzo: € 60,00
Dimensioni: cm 21,0x29,5
Legatura: brossura con alette

Collana: L'arca. Pittura e scrittura
ISBN: 9788877708359

Niente in comune, apparentemente.
Una relazione sottile nella diversità che unisce: una estrema e impalpabile sensibilità femminile. Un mondo interiore svelato negli arcani della sua complessità: ecco i ritratti e i paesaggi, dove l'anima canta la sua musica segreta.
L'una e l'altra figlie di grandi pittori, prendono le distanze dai padri scegliendo l'instabilità, il non detto, lo spazio della dimensione spirituale.
Il pennello sfugge a ogni compiacimento, osa, non si annida nel tempo greco della morte, ma in una spirale si apre sull'infinito: l'aleph nelle sue sinuosità di canto della vita.
Estratto del libro
Un'armonia perfetta unisce la figura alla composizione: nobiltà, serenità, equilibrio. L'artista usa tutte le proprie doti per rendere la sublime bellezza dell'abito, il sensuale riflesso cangiante della seta e dei motivi che fanno ornamento, la diafana trasparenza del velo che copre i capelli.
Il ventaglio e i gioielli sono di una discrezione squisita e al tempo stesso di estrema precisione e raffinatezza.
La composizione classica – su sfondo scuro interrotto dal rosso del tappeto del tavolo e del rivestimento della poltrona – accresce il gioco dell' artista nel coniugare la forza e l'evanescenza, la solida presenza della figura e il suo lato quasi irreale, così poetico e distante.
(Nadine Shenkar, commento a Ritratto di gentildonna di Lavinia Fontana)

Icona incastonata nella gelida nicchia, questo strano vaso con l'immutevole offerta divora la tela.
Il calice scuro striato di azzurro e di blu sorge dalla propria scena, un sudario bianco attraversato da volte, da rette e da cerchi, da pieghe senza fremiti. I frutti, nella loro disposizione perfetta, con le foglie dritte e immobili, non invitano la mano alla carezza.
E il frutto che sta lì, posato sulla tovaglia, sembra scompigliare l'ordine che regna.
La fissità della materia, la densità che la morte pare non possa mai raggiungere, l'invulnerabilità del frutto che la bocca non toccherà mai [...].
(Nadine Shenkar, commento a Vaso di frutta di Elena Gurwič)

Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog

Altri libri dello stesso autore


143 pagine, € 15,49

156 pagine, € 20,00

156 pagine, € 60,00
» Tutti i libri dello stesso autore