Spirali Homepage
Chi siamo | Dove siamo | Rassegna stampa | Network | Rights | Come acquistare
Ricerca avanzata »


Homepage
Novità
Libri
Riviste
Argomenti
Autori
Agenda

Multimedia
Siti amici





Puoi trovarci anche su

anobii

Facebook

Youtube

Twitter


Medicina e umanitÓ. Atti del congresso internazionale. Milano, 28-30 novembre 2003
AA.VV.
Medicina e umanitÓ. Atti del congresso internazionale. Milano, 28-30 novembre 2003
Anno: 2004
Pagine: 436
Prezzo: € 30,00
Dimensioni: cm 14,0x21,5
Legatura: cartonato con sovraccoperta

Collana: UniversitÓ internazionale del secondo rinascimento
ISBN: 9788877706690
Contributi di: Alberto Lecco, Aldo Gerbino, Alessandra Tamburini, Alessandro Atti, Anna Spadafora, Antonio SaccÓ, Armando Verdiglione, Augusto Ponzio, Bachisio Bandinu, Bruno Domenichelli, Carlo Marchetti, Claus K÷hnlein, Cristina Frua De Angeli, David Rasnick, Eleonora Piruzjan, Elisabetta Costa, Emilio Fontela, Ennio Cavalli, Erik Battiston, Fanchette Kunz, Francesco Amato, Francesco Saba Sardi, Gennadij Uranov, Giancarlo Mengoli, Giorgio Antonucci, Giorgio Bosco, Jurij Rubinskij, Lev Piruzjan, Lorenzo Conti Lapi, Luciano Ponzio, Lucien Sfez, Mariella Borraccino, Martti Siirala, Matjaž Potrč, Maurizio Bendandi, Michele Marin, Ove Petersen, Paolo Pontiggia, Peter DŘsberg, Pier Francesco Paolini, Poel' Karp, Roberto Cestari, Roberto Panichi, Rodrigue Sautebin, Ruggero Chinaglia, Sam Mhlongo, Sergio Dalla Val, Susan Petrilli, Thomas Szasz, Uwe Henrik Peters, Vittorio Vettori
Estratto del libro
Qui vorrei evidenziare un dato che ha rilevanza nella misura in cui non sussista o sussista, e in che grado, l'humanitas del medico.
La malattia importa una deminutio dell'uomo. Rottura dell'equilibrio del corpo, della mente, essa trascina l'uomo dall'area, percorsa irrazionalmente, dell'immortalitÓ all'area, percepita consapevolmente, della sua transitorietÓ. Il malato perci˛ si affida nelle mani di chi, curandolo, potrebbe ricondurlo al precedente status e versa di solito in una situazione di avvilente soggezione. Egli Ŕ infermo, non sa come curarsi e teme; la persona che lo ha in cura lo pu˛ guarire perchÚ conosce i segreti del corpo e della mente possedendo la scienza medica.
InferioritÓ da una parte, supremazia dall'altra. Sovente il medico nulla fa per stabilire un "contatto umano" che potrebbe alleviare le sofferenze del "paziente" e meglio curarlo. ╚ vero per˛ che la soggezione, che mal si concilia con l'humanitas, non Ŕ un fatto eccezionale nei rapporti sociali. Il cittadino qualunque si trova in uno stato di disagio, di minoritÓ verso le persone investite del potere o di un frammento di potere o di una parvenza di potere in grado di danneggiarlo o favorirlo, quando in realtÓ queste persone dovrebbero essere a suo servizio. [...] Si potrebbe aggiungere che la nostra Ŕ una civiltÓ dove non predomina la forza pi¨ penetrante, pi¨ "umana" dell'humanitas. Purtroppo, al di fuori del proprio nucleo familiare, Ŕ carente la civiltÓ dei sentimenti.
Quarta di copertina
La prevenzione si attua in base a chissÓ quale principio platonico di ereditarietÓ e, in fin dei conti, in base al principio della predestinazione. Infatti, la genetica, non in quanto tale ma in quanto ideologia, si prospetta come una dottrina della predestinazione, dottrina della gnosi applicata alla medicina e alla cura. E ognuno, quindi, nascerebbe predestinato [...]. Pu˛ capitare, a chi si trova in ospedale per un esame o per una cura, d'instaurare un'interlocuzione con il medico. Altre volte, regna il rapporto medico paziente, la dicotomia sociale circolare, come tra Prometeo e il fratello Epimeteo.
Senza dispositivo intellettuale, gli officianti della medicina diventano intermediari, mediatori con una delega, ossia delegano tutto al farmaco, allo psicofarmaco o all'apparato. Come pu˛ avvenire una cura senza la parola? Sarebbe stato assurdo alla Scuola medica di Crotone nella Magna Grecia, e sarebbe assurdo oggi.
(Armando Verdiglione)
Vuoi condividere questo libro sul tuo sito/blog?
Usa il nostro Widget!


Copia il codice da inserire nel tuo sito/blog